venerdì 11 maggio 2012

Le Strade Della Mozzarella


Eccomi!
Sono reduce dall’evento gastronomico  Le strade della Mozzarella, ideato da Barbara Guerra, con Albert Sapere e sostenuto dal comune di Capaccio e dal Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop, tenutosi nell’incantevole cornice dell’area archeologica e parco fluviale al ristorante la Trabe.
Scrivo questo post con la consapevolezza di non riuscire pienamente a riportare in cronaca tutto quello che ho visto, parlare delle tante persone incontrate, trasmettere la sensazione dei tanti profumi che mi hanno attraversata, raccontare delle esperienze vissute e che probabilmente non cancellerò mai più dalla mia testa e dal mio cuore.
Memore di una risposta a una mia mail, dove chiedevo cosa dovessi fare io lì, che diceva “Voi siete solo delle gradite ospiti”, ho abbandonato in borsa il taccuino che mi ero portata dietro, ho ceduto la macchina fotografica a mio marito e completamente libera da qualsiasi impegno mi sono goduta pienamente questi momenti di puro relax.
Ho incontrato personaggi noti al grande pubblico: chef stellati, critici enogastronomici di riguardo, produttori di eccellenze e giornalisti di famose testate; ma mi piacerebbe parlare in particolare di chi, anche se non noto al pubblico di massa, è una persona (e non un personaggio) della mia terra, che porta avanti le eccellenze del mio territorio o magari solo un grande sogno.


Al mio arrivo la prima persona incontrata lungo il vialetto di accesso è stata Giovanni Assante, “Maccaronaro” (come è  stato definito in un’intervista) della Gerardodi Nola, una pasta artigianale trafilata al bronzo che conosco e apprezzo da una vita e che uso soprattutto quando voglio preparare quelle ricette tipiche della mia Campania, come una rustica pasta e patate o una semplice calamarata.

     foto concessa da Patricia Butturini



Poi raggruppati sotto un gazebo, erano presenti altri grandi            
produttori.


Tra questi Manuel Lombardi, produttore del Conciato Romano, presidio Slow Food. Un pecorino da un sapore intenso che quando l’assaggio, come un tuffo mi riporta alla mia infanzia. La sua caratteristica è la conservazione in anfore di terracotta dove viene messo del  Casavecchia ( vitigno autoctono coltivato nella sua azienda), olio di oliva e timo. Le anfore sono chiuse con dei tappi di sughero, conservate in cantina e periodicamente vengono girate e rigirate per impregnare il formaggio del liquido aromatico depositato alla base.

Ho avuto il piacere di conoscere anche Franco Pepe, pizzaiolo di Caiazzo, che impasta la sua pizza rigorosamente a mano, nella madia di legno, con lievito naturale e le pagnottelle vengono mese a lievitare in cassette di legno per assorbirne l’umidità: risultato una pizza sofficissima e digeribilissima.

Era presente, ma non ho incontrato, Salvatore Salvo, della pizzeria “Salvo, pizzaioli da tregenerazioni”. Caratteristica di questa pizza è quella di  avere una lievitazione lunga e a temperatura ambiente, cotta nell’antico forno di pietra.I fratelli Salvo portano avanti una scelta di vita: le materie prime di qualità eccellente unite a un metodo di lavorazione rimasto invariato da tre generazioni.
 Inoltre cosa importante da menzionare: hanno  ricevuto nel loro locale la visita di Luigi Cremona, presente anch’esso a questa tre giorni di Paestum.
Un altro incontro piacevole è stato con Gea De Leonardis, amministratrice di Cookaraund.
Abbiamo parlato di lievito madre: la costanza che si deve avere per nutrirlo, la pazienza per mantenerlo in vita, gli accorgimenti da usare quando lo si vuole congelare, i segreti per riprenderlo quando lo si è abbandonato. Insomma questa ragazza è un vero pozzo di scienza, non riuscivo più a starle dietro, così il mio cervello ha staccato tutti i collegamenti e alla fine mi sono proposta di iscrivermi al forum del sito e di conservare gelosamente il suo biglietto da visita.
Ho fatto anche l’ interessante esperienza di partecipare alla gara di flambèe. Qui,  secondo me, ci sarebbe voluto proprio essere il mio amico Pasquale, che ha  una grande passione per questo tipo di preparazione.
Una gara tra quattro maiters, di cui ho seguito le ricette passo passo e fotografato i loro piatti a base di carne di bufalo abbinati a quattro vini di produttori locali.
Ha vinto Maurizio Calabrese la cui ricetta la posterò a parte corredata di relativa fotografia.

Questo maitre lavora presso l’Oleandri ResortO, lo stesso dove ho pernottato.
Un residence dove si può veramente “risorgere” tanto è la pace che si respira, la bellezza che incanta quando l’attraversi, il confort che trovi, il servizio impeccabile e accurato che ricevi.
Un ambiente bello e lussuoso, immerso nel verde e a pochi passi dal mare.
Quando sono arrivata ci ha accolto una signora distinta e discreta, la mamma di Angelo Desimone, il proprietario.
Dopo l’accoglienza all’Oleandri, sono subito volata a La Trabe  perché dovevano consegnarci il riconoscimento per la partecipazione al contest .Erano presenti oltre Barbara Guerra , Domenico Raimondo, Presidente del Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala  Campana dop e Tommaso Esposito, food write per Luciano Pignataro Wine Blog; questi insieme a Peppe Daddio, della scuola Dolce Salato sono stati a giudicare le ricette vincitrici.



Ci hanno chiamate una alla volta per ritirare il “diploma” e abbiamo descritto brevemente le nostre ricette; dopodiché hanno detto che avrebbero nominato la ricetta che si sarebbe aggiudicata la crociera di MSC, e la persona che si identificava con la ricetta si sarebbe alzata. Dopo ne avrebbero spiegato la motivazione. Un attimo di suspance e Barbara ha detto “la ricetta è ….il cannolo”.




Io incredula mio sono prima guardata attorno per capire se ci fosse la titolare di un altro cannolo, ma poi ho avuto la consapevolezza di essere io. Mannaggia ,mi son detta e ora come faccio a sostenere proprio io  questa situazione, intanto ho pensato giustamente di alzarmi e avvicinarmi ai giudici, i quali volevano un commento da parte mia, ma ricordo solo che sono riuscita a dire: “non me l’aspettavo, ho partecipato senza alcuna pretesa”. E sono andata via.
E ora mi rivolgo a lei, caro presidente Domenico Raimondo che tanto ci teneva a portare avanti ricette facilmente replicabili: me la spiega ora la motivazione?






Srefania e il suo dolce bimbo


Ringrazio Luigi Savino per la concessione di una parte delle foto pubblicate

18 commenti:

  1. Antonietta!!!!!!! COMPLIMENTI PER LA VITTORIA!!! Speravo veramente vincessi tu, perchè te lo meriti!! Punto! La motivazione te la dico io se vuoi..;-) anche se ovviamente quella dei giudici è molto più autorevole: i tuoi cannoli con la mozzarella sono una ricetta originalissima, gustosa e semplicemente perfetta! E poi chi meglio di te può rappresentare l'eccellenza di questo prodotto fantastico? Grazie per questa bella carrellata di foto e per il racconto! dev'essere stato molto bello, emozionante e poi, con la proclamazione della vittoria, la ciliegina sulla torta!!!! bravissima!! un bacione!! Francy

    RispondiElimina
  2. grandeeeeeeeeeeeeee!!!! antonietta sei mitica! Complimentissimi per la tua meritatissima vittoria!!! ti abbraccio forte!
    spery

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Care Francesca e Speranza non potete immaginare quanto vorrei festeggiare con voi questa vittoria magari offrendovi uno di quei cannoli.Vi abbraccio

      Elimina
  4. La Motivazione te la spiego io se permetti cara Antonietta, la tua ricetta e' Inedita Bella e Originale, sicuramente per i giudici e' stato un amore a prima vista.
    Nella foto n° 10 si vede Antonietta tutta la tua emozione.
    Complimenti ancora un premio Meritato, onore alla vincitrice.
    A Presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Invece con te, festeggio offrendoti realmente il mio cannolo.A presto

      Elimina
  5. Buongiorno Antonietta! Dev'essere stata una bellissima manifestazione!
    Tanti complimenti per la vittoria! :)

    RispondiElimina
  6. cara! è stata una gioia conoscerti, anche se il tempo è stato più che tiranno! io sono contenta per te, la tua ricetta era strepitosa ma soprattutto mi sei piaciuta tu, così solare e affettuosa!
    un bacione e spero davvero che avremo l'occasione di incontrarci di nuovo :)

    RispondiElimina
  7. complimenti per la vittoria e la partecipazione ad una così bella manifestazione, baci

    RispondiElimina
  8. Che bella esperienza! E la tua ricetta era bellissima....congratulazioni!!!!!

    RispondiElimina
  9. Congratulazioni!!! E ben trovata!!!

    RispondiElimina
  10. Eccoci...Antonietta
    in questo periodo siamo svolazzanti da un fiore all'altro...e solo adesso
    ti leggiamo!!
    Qui.....c'è una vera e meritatissima festa e le apine sono
    F E L I C I !!!!!per la tua vittoria.
    Hai descritto così bene e generosamente le varie situazioni che, leggendo, ci siamo sentite lì con te!!
    Splendidi posti, incontri, esperienze come è splendida la tua ricetta!!
    BRAVA....SSSIMA immaginiamo la gioia della tua famiglia!!
    un bacio le 4 apine

    RispondiElimina
  11. Complimenti anche per questa bellissima esperienza!!!!! buona settimana

    RispondiElimina
  12. Carissima Antonietta che bello ricordare ancora la ns avventura raccontata da un'altra!
    Grazie mille per il graditissimo biglietto e per il pensiero che mi hai lasciato!
    ho riletto ancora la tua ricetta: è strabuona! Complimenti ancora!
    A presto!!! Sei splendida!!
    Baci
    Tania

    RispondiElimina
  13. Antoniettaaaaaaaaamannaggianonlosapevocomplimentiiiiiiiiii!!!! WOW, l'ho scoperto solo adesso! Complimenti per la vittoria... lo dicevo io che era troppo bella e super originale!!!... Sono contentissima per te ^_^
    brava-brava-brava!!!
    e comunque, scusami se approfitto di questo spazietto e della tua vittoria, vorrei fare i complimenti anche agli organizzatori della sfida Le strade della Mozzarella, una sfida davvero bella e ben concepita, che vi ha dato anche la possibilità di vedere-toccare-scoprire-curiosare-appassionarvi e appassionarci!... davvero ganzissima!!!

    cara antonietta... ancora complimenti e un abbraccio :***

    roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roberta il tuo entusiasmo sembra saltare fuori dal video!!!!!
      Comunque a me più della gioia della vincita quello che mi é rimasto é la soddisfazione dell'esperienza:non é retorica,sinceramente!
      Un grandissimo evento in quel piccolo angolino della mia amata Campania!!!

      Elimina
  14. Bella proprio l'idea del pesto!! poi fammi sapere eh!! :DDDD

    RispondiElimina
  15. Ciao Antonietta non mi ero accorta della tua gentilissima citazione ti ringrazio tanto, diciamo che mi hai dato una bella botta di autostima!!! :D
    Volevo avvisarti che finalmente ho pubblicato il mio food-blog personale nel quale ci sono parecchie ricette a base di pane di Matera, che mi era sembrato interessarti. Certo sono all'inizio ed è ancora un po' vuoto ma piano piano lo riempirò!
    Lo trovi qui http://www.ilcuoreingola.it/it le ricette a base di pane sono nella barra a sinistra. Un forte abbraccio e grazie ancora.
    Gea

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...