giovedì 23 agosto 2012

Marmellata di fichi all’anice stellato


Questa marmellata l’ho fatta con i fichi di Elio…….ah già forse non tutti sapete chi è Elio, quindi devo raccontarvi tutto!
E’ un uomo con i capelli bianchi ( non immagino quanti anni abbia, perché la sua giovialità trae in inganno), abita in un tranquillo paesino della provincia di Salerno, è  amante della compagnia, della buona tavola, dei cibi semplici, del vino buono, degli affetti familiari, dei ricordi e di tutto ciò che è carico di vita.
E’ una di quelle persone che difficilmente dimentichi: ti meravigli quando lo incontri e te ne fa andare via carico di tutto ciò che quell’incontro ti lascia.
E’ il papà di Spery…….


Era da tempo che desideravamo dare un volto a questa amicizia virtuale, perché guardando attraverso quel “buco della serratura”, che sono i nostri blog, ci sentivamo così affini, così pieni di interessi in comune da voler condividere, che non potevamo più aspettare.
Approfittando del suo ritorno a casa dai genitori, una tranquilla villetta di campagna, l’ho raggiunta insieme a Pasquale e Valeria; stessa sensazione di altri incontri precedenti: sembrava di aver rivisto la mia amica di sempre, quell’amica che non vedevo da tempo e che non vedevo l’ora di riabbracciare.


Trasparente e solare, si è confermato tutto quello che ho imparato di lei e grazie a lei attraverso il suo blog.
Un incontro dove non potevano mancare le nostre specialità, i nostri piatti forti, ciò che più ci contraddistingue e che ci rappresenta.
I padroni di casa ci hanno offerto tante delizie del loro orto, tra cui delle linguine con dei fagiolini lunghi e pomodorini; Spery, i suoi stupendi lievitati salati con la pasta madre, ovviamente il babà, perfetto, alto, spugnoso e una magnifica millefoglie decorata con  il logo della nostra futura associazione,  Foodblogger Campani. Quando ho dato una sbirciata veloce in frigo, di nascosto dagli altri due, mi è quasi scesa una lacrima dall’emozione!
Valeria, da poche ore di ritorno dalla Sicilia, ci ha deliziato con dei cannoli freschissimi e delle paste di mandorla di cui ne ho fatto una bella scorpacciata. Quando l’ho chiamata per avere la conferma definitiva del suo arrivo, avevo le dita incrociate e nonostante la voce rauca, sintomo del suo raffreddore e presagio di una risposta negativa, ho esultato quando ho capito che erano tutte inutili paure le mie; infatti stanca e un po’ assonnata ha fatto di tutto per essere con noi: Grande Valeria, altro che murzillo!
Pasquale ha portato le basi per il suo indimenticabile risotto alla crema di scampi flambè (ahinoi, fatto precedentemente a casa). Mi ha chiesto che lo preparassi io per goderselo per bene, una volta tanto.
Infatti molte volte quando prepariamo un piatto non riusciamo a gustarcelo quanto i nostri commensali, perché la preparazione di esso sembra che ci neghi questa possibilità.
E io? Ovviamente la mozzarella; tutti se l’aspettano dovunque vada! Però, nonostante è perfetta mangiarla in purezza, voglio sempre metterci un tocco personale. Ho farcito delle strisce di sfoglia di mozzarella con crudo e fichi (di Elio) facendone dei rotolini e cosparsi di miele di castagno.
Avremmo voluto tanto anche la presenza di Guerino, che già fa parte di questa nostra brigata: una telefonata e un giro di saluti non poteva mancare.


Che dire? La serata è stata intensa e piacevole, si è stati bene insieme, si è parlato di tutto, è stata una ricchezza che ci siamo scambiati a vicenda. Esperienze come queste te le porti dentro per sempre perché sai che sei stato con persone(compresi i nostri compagni di vita, che ci sostengono sempre) che veramente capiscono e apprezzano quello in cui credi e che ami fare.
E la mia marmellata? La dedico ai genitori di Spery, perché è dai frutti che si riconosce l’albero e se si raccoglie bene è perché si è seminato bene…….GRAZIE‼‼


Ingredienti
500 g di fichi neri
350 g di zucchero di canna
1 mela
4 frutti di anice stellato
La buccia di 1 limone

Preparazione
Mettere in una pentola i fiche e la mela lavati e tagliati a pezzi ma senza sbucciare. Aggiungere lo zucchero di canna, la buccia di limone tagliata sottile, facendo attenzione a non prendere la parete bianca, e l’anice stellato. Coprire e lasciar cuocere a fuoco dolce per 45 minuti.
Passare tutto attraverso il passaverdure, mettere nei barattoli di vetro precedentemente puliti e asciugati e chiudere con tappo a vite.
Sistemarli in una pentola, coprirli con uno strofinaccio, aggiungere acqua calda e portare a ebollizione per 10 minuti. Togliere i vasetti dall’acqua quando sono tiepidi.


Note personali
In qualsiasi marmellata aggiungo sempre una mela, perché questa contenendo pectina favorisce l’aspetto gelatinoso tipico delle marmellate.
Lo strofinaccio permette che i barattoli non si untino durante l’ebollizione, con il rischio di rompersi.

21 commenti:

  1. Murzette con marmellata di fichi????
    Era questa?????
    Il faro' anche io il post su questa magnifica serata, intanto approvo e condivido il tuo.
    Un racconto bellissimo e veritiero.
    Grande Eliooooooooooooooooo
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Paki!
      Era proprio quella che ti ho fatto assaggiare sul biscottino della nonna.

      Elimina
  2. E a me è scappata la lacrimuccia!!! Grazie ragazzi! Son davvero contenta di avervi conosciuti! Spero solo che questo sia il primo di una lunghissima serie di incontri! Oggi mi sento un pò triste, la nostalgia inizia a far capolino, ma grazie al tuo racconto mi sento già meglio!
    un bacio
    spery

    ps: appena mio padre va a sbirciare sul tuo blog si commuove anche lui! sembra un tip forte, ma in fondo in fondo ha il cuore tenero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La nostalgia è normale, cara, perché in fondo il tuo cuore è qui.
      Però bando alla tristezza, pensa alle cose positive: il sorriso della tua meravigliosa bimba e l'amore del tuo Maury penso che meritino la tua radiosità, che non si deve mai spegnere.....e tu lo puoi!!!!
      Ti vogliamo tutti bene!
      A presto e un bacio affettuoso

      Elimina
  3. Bbbboni i fichi di Elio, anch'io tra i privilegiati che hanno potuto assaggiarli.
    Non sarei mancata per nulla al mondo ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E spero di rivederti presto, così ti faccio assaggiare la marmellata!

      Elimina
  4. Una bella festa, tante cosette buone e soprattutto un'ottima compagnia!
    un bacione
    PS: particolare ma da provare questa marmellata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non c'è cosa più bella che stare insieme a persone con cui si condividono gli stessi interessi!!!

      Elimina
  5. Che bello quando un'amicizia virtuale diventa concreta. Capisco come ti senti perché è capitato anche a me. Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Licia cara e buona giornata anche a te!

      Elimina
  6. Bellissimo post, all'insegna dell'amicizia e della golosità! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amicizia e golosità non sono mai troppe per unire le persone!!!

      Elimina
  7. LL'amicizia è n'acqua chiara,trasparente,cristallina.... D'int'o' core, è llà ca brilla..... Ed è ciò che si respira in queste belle foto. Con voi poi, tutto diventa perfetto!
    PS la tua marmellata è squisita :-))

    UN ABBRACCIO.......

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlavo proprio ieri sera con Antonietta, al prossimo incontro Food vogliamo anche te Rita!!!!!
      Naturalmente con famiglia...

      Elimina
  8. Complimenti per il tuo blog, davvero interessante! da oggi ti seguo, se ti va, passa a trovarmi anche tu!

    RispondiElimina
  9. Ciao Antonietta!! sono tornata sabato dalle ferie in Puglia e anche se mi sono goduta proprio il mio meritato riposo ti confesso che avevo voglia di tornare per riallacciare i contatti con te e gli altri foodblogger!
    Che belli i tuoi ultimi post, sempre pieni di tradizione, amicizia e incontri che scaldano il cuore!
    Siete forti voi Campani, pieni di energie e voglia di fare, di comunicare a tutti il vostro amore per la vostra bellissima terra! è un piacere leggerti, come sempre!
    a presto!!
    Francy

    RispondiElimina
  10. Ah, dimenticavo! in Puglia sono stata in Salento, a Pescoluse vicino a S.Maria di Leuca. In un supermercato c'era un'intero stand con la pasta Benedetto Cavalieri, integrale e non.. purtroppo il costo era piuttosto alto (2,85 mezzo chilo) e anche se so che ne vale assolutamente la pena, non ho voluto infierire ancora sul budget! mi ricordavo del contest e mi sarebbe piaciuto molto partecipare..
    L'azienda è di Maglie una cittadina non lontana da dove ero io in vacanza e che mi sarebbe piaciuto visitare, chissà se fanno visitare anche l'azienda e hanno uno spaccio aziendale?? prossimo anno proverò a scoprirlo!
    Bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Francy, devo confessarti che iniziavo a sentire forte la tua mancanza,con i tuoi commenti sempre così attenti e pieni di affetto.
      Non vedo l'ora di un tuo prossimo post, magari con qualche novità che riguarda proprio la tua vacanza.
      Hai ragione, gli incontri scaldano davvero il cuore, e tra i prossimi vorrei ci fossi anche tu....
      Ho la testa che mi scoppia di progetti e ho tanto poco tempo per seguire tutto, ma ti assicuro che prima o poi mi ritaglierò uno spazio per infilarci anche qualcosa con te.
      A presto e tanti cari bacioni!!!!

      Elimina
  11. Troppo buona questa marmellata!!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...