lunedì 25 giugno 2012

Scaloppine di filetti di pollo ai funghi





Quando ho saputo il tema dell' MTC di questo mese sono stata colta da un grande entusiasmo, visto che la scaloppina è il mio piatto forte. La preparo con tutti i tipi di carne e con tutti i contorni che offre la stagione e variando elementi liquidi come vino, marsala ,succo d'arancia o di limone....Insomma la fantasia non mi è mai mancata.
Poi leggendo il procedimento di Elisa mi sono resa conto che dovevo per forza attenermi a quello, il classico, e abbandonare per un po’ il mio, usato e collaudato da circa 20 anni.
Quello che non mi è mai piaciuto della scaloppina classica è il sapore di bruciacchiato che dava la farina: nonostante tutti i miei accorgimenti (cottura dolce ed evitare eccessiva farina) quel sapore lo avvertivo sempre e comunque. Allora avevo ovviato con un altro metodo di cui già ho parlato qui. Risultato: sapore delicato, risparmio di calorie e consistenza molto simile a quella “vera”.
Ora con l’MTC, dopo l’entusiasmo è subentrata in me la consapevolezza di trovare un rimedio che, pur attenendomi alle regole, dovesse darmi risultati che soddisfacessero prima me stessa. Così ho pensato al burro chiarificato, una scoperta molto recente per me, e alla farina di riso, tanto per provare un’alternativa: i risultati sono stati come me li auguravo!
Ho cominciato con la più classica delle scaloppine.


Ingredienti per 4 persone
400 g di fette sottili di petto di pollo
6 cucchiai di farina di riso
Burro chiarificato
1 bicchiere di vino bianco
1 bicchiere di brodo vegetale
400 g di funghi coltivati
1 carota
1 spicchio di aglio
Olio evo
Sale

Preparazione
In un tegame far rosolare l’olio, l’aglio e la carota a fuoco dolce; aggiungere i funghi tagliati a fettine sottili, salare e far cuocere coperto per 15 minuti.
Nel frattempo infarinare le fettine di pollo e rosolarle nel burro chiarificato da entrambi i lati e spostarle poi nel tegame con i funghi ormai già cotti e salarle; deglassare il fondo delle scaloppine con il vino, roteare la padella fino ad avere una crema uniforme e aggiungere il brodo vegetale, continuando a roteare. Far restringere la salsa, filtrarla e versarla sulle scaloppine e i funghi. Riscaldare brevemente e servire

 









15 commenti:

  1. Ma guarda che belle foto!!!!!!
    L'ultima e' bellissima.
    Una scaloppina dalla giusta cremosità, presentata davvero molto bene con contorni giusti. Peccato che stasera non ho cenato.................

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pasquale le foto se sono belle è stato ancora per merito della mia piccola Canon, prima che si rompesse.Aspetto un tuo giudizio per le prossime foto

      Elimina
  2. Un secondo tutto gusto e completo.Brava!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di gusto davvero non ne era carente!

      Elimina
  3. Cara Antonietta, vedo con piacere che ti sei unita alla grande famiglia MTC! io, come ho scritto nel mio post sulle scaloppine con i peperoni, ultimamente usavo solo il tuo metodo, ma devo dire che anche quello di Elisa dà grandissime soddisfazioni,come si vede dalle tue foto, delle scaloppine morbidissime dentro e fuori, con quella salsina...gnam!! bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbandonare la mia vecchia strada è stata un'esperienza che mi ha arricchita

      Elimina
  4. davvero gustose queste scaloppine :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta e grazie: è stato un piacere ricevere la tua visita

      Elimina
  5. Ma brava, antonietta, brava! quello che mi piace di più è vedere concorrenti che, pur avendo metodi collaudati e affidabili, non esitano ad accantonarli- e non solo per fedeltà alle regole del gioco, ma anche per curiosità personale. Che tu sia una che sperimenta si vede anche dal'approccio che hai riservato alla ricetta di Elisa, che è stata affrontata in modo critico, con l'utilizzo della farina di riso e la scelta consapevole del burro chiarificato. Hai fatto benissimo a scegliere un classico, almeno all'inizio, perchè è il terreno migliore per verificare analogie e differenze- e dalla foto mi sembra di poter dire che la missione è stata compiuta. mi auguro che ci saranno altre sperimentazioni, su questo e su altri fronti, e ti dò il miglior benvenuto all'MTC, che sono certa sarà una fonte di soddisfazione reciproca.
    Grazie ancora
    ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessandra per le tue belle parole;già con il budino è stata una grande soddisfazione partecipare e questa della scaloppina è stata un'esperienza che mi ha arricchita ulteriormente.Come ho letto già da altre parti l'MTC è una sfida prima con me stessa!

      Elimina
  6. E hai fatto benissimo a mantenerti sul classico, perché le tue scaloppine sono perfettamente riuscite, belle e buone e con una grande attenzione per i particolari: ottima la scelta del burro chiarificato e della farina di riso! Brava! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Elisa con le tue spiegazioni chiare e quei passaggi chiave per la buona riuscita hai fatto davvero un ottimo lavoro!

      Elimina
  7. avrai pure optato per un classico, ma il risultato è straordinario... per il più classico dei risultati, mettere una gran fame! ^_^

    roberta

    RispondiElimina
  8. Buongiorno Antonietta, ti scopro oggi venendo dal blog di Pasquale: BELLISSIMA l'iniziativa dei blogger campani, peccato che io sono fiorentina! E queste scaloppine sono invitantissime.... belle le piante grasse dietro.... io sono un'appassionata!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...