giovedì 8 marzo 2012

Festa delle Donne

Anche io sono una di quelle che non ha mai festeggiato in questa giornata. Non esco per fare baldoria, non sento quell’aria di festa, non divento musona se non mi fanno gli auguri. Però se qualcuno si presenta con un rametto di mimosa mi intenerisco e quando ho voglia preparo anche la torta omonima.
 Oggi per me è stata una giornata come tante: lavoro, corse solite tra ufficio postale, scuola ,palestra(per il figlio),farmacia….poi una dolce sosta. Rincasata il mio marmocchio di quattro anni mi è corso incontro, mi è letteralmente saltato addosso e mi ha dato la sua mimosa fatta di pasta di sale e una pergamena con una poesia di Madre Teresa di Calcutta, mi ha abbracciata dicendomi: buona festa della donna .
Mi stavo sciogliendo dall’emozione. Vabbè, sicuramente è stato istruito a puntino dalle maestre, insegnandogli tutta la prassi da adottare nei miei confronti, però il suo entusiasmo e la sua gioia li ho sentiti talmente sinceri che ho creduto che sgorgasse tutto dal suo tenero cuoricino





Tieni sempre presente che la pelle fa le rughe,
i capelli diventano bianchi,
i giorni si trasformano in anni…
Però ciò che è importante non cambia;
la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito è a colla di qualsiasi tela di ragno.
Dietro ogni linea di arrivo c’è una linea di partenza.
Dietro ogni successo c’è un’altra delusione.
Fino a quando sei viva, sentiti viva.
Se ti manca ciò che facevi, torna a farlo.
Non vivere di fotografie ingiallite…
insisti anche se tutti si aspettano che abbandoni.
Non lasciare che si arrugginisca il ferro che c’è in te.
Fai in modo che invece che compassione, ti portino rispetto.
Quando a causa degli anni non potrai correre, cammina veloce.
Quando non potrai camminare veloce, cammina.
Quando non potrai camminare, usa il bastone.
Però non trattenerti mai!!!
                                                               Teresa Di Calcutta

17 commenti:

  1. Bellissimo post, Antonietta! me la immagino l'emozione che hai provato col tuo piccolo.. sanno essere tremendi talvolta (almeno i miei) ma altre hanno una dolcezza inarrivabile!! me la sono letta tante volte la tua citazione, molto bella e molto vera.. da seguire alla lettera. bacioni e grazie! e buon 8 Marzo!

    RispondiElimina
  2. Antonietta che emozione deve essere un bimbo che ti viene incontro e ti da tutto il suo amore. Bellissimo e commovente post. un abbraccio

    RispondiElimina
  3. ciao Antonietta,
    ma quanto è "TUTTO" la corsa e l'abbraccio di un bambino
    per la sua mamma ..vero?
    Antonietta hai avuto una gran bella festa della donna!!
    A presto le 4 apine

    RispondiElimina
  4. Bellissimo post... non so per me, ma tu sei decisamente tanto poetica! Hai avuto il più bel augurio che una donna può ricevere! Ciao Antonietta, buona giornata e buon weekend!

    RispondiElimina
  5. Voglio precisare,onde evitare fraintendimenti,e prendermi meriti non meritati,che la poesia sotto la foto della mimosa è quella di Madre Teresa di Calcutta

    RispondiElimina
  6. Condivido quello che scrivi, deve essere festa ogno giorno........
    Donna Mamma Papa', perdonare i nemici sempre e non solo a Natale ecc. ecc.
    A Presto

    RispondiElimina
  7. Hai ragione...grazie ai nostri bambini, è sempre festa, anche quando siamo stanche..

    RispondiElimina
  8. La mimosa preparata dal cucciolino è bella, ma la poesia è splendida, e racchiude in poche righe tutto l'essere della nostra vita!

    RispondiElimina
  9. ANtonietta, che piacere vedere che qualcuno concorda con me sui detestasti muffins, decenti da caldi (e cosa non lo sarebbe) e schifosi e gommosi dopo solo un paio d'ore! Anche io penso sia 'sto strano metodo che si usa, con la montata di uova, o di burro, tutto torna nella norma ma vorrei capire esattamente il perchè, ma qui ci andrebbe un chimico...e sai che faccio ? Provo a chiederlo a Bressanini!
    E grazie del sostegno, ho visto che non ti avevo nel blogroll ma ho rimediato
    Un abbraccio a te e al tuo cuoricino.-)
    CInzia

    RispondiElimina
  10. Un abbraccio Antonietta per le belle parole, a tratti la ricordo, forse la feci a scuola proprio in queste giornate. Un abbraccio a tutte tutte le donne, nella speranza che non esistano mai più violenze su nessuna e di nessun tipo!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  11. bellissimee parole cara!buona domenica cara

    RispondiElimina
  12. e dopo queste belle parole per le quali mi è scappata pure la lacrimuccia, mi farebbe davvero conoscere dal vivo una bella persona come te? E se organizzassimo un food incontro campano per quest'estate? Ci si può pensare,no?
    buona domenica, cara
    spery

    RispondiElimina
  13. che bella poesia! :)
    bacio e buon lunedì!

    RispondiElimina
  14. bellissima poesia, brave le maestre che insegnano fin da piccoli il rispetto, si comincia da lì. ed è genuino quello che il tuo piccolo ha dimostrato per te. non fingono mai i bambini. grazie del post!

    RispondiElimina
  15. poesia fantastica ottima scelta

    RispondiElimina
  16. Ciao, piacere di fare la tua conoscenza!
    Grazie al tuo commento sul blog di Pignataro, sono finita qui e mi sono pure iscritta! ;-)
    A presto! :-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...