giovedì 18 settembre 2014

Crostata di fichi e rosmarino




Io detestavo i fichi, detestavo mangiarli e toccarli perché m’impressionava il loro interno.
Vedevo la mia mamma mangiarli con una tale soddisfazione che io non comprendevo e non condividevo affatto, ma la mia nonna ribatteva : “ai miei tempi costituivano il pasto, ci portavamo il pane da casa in campagna e dopo mezza giornata di duro lavoro lo trovavamo secco tanto era bollente il sole, ma con un paio di fichi aperti e appoggiati sopra si aggiustava tutto”.
Poi da lì in poi la nonna iniziava a raccontarmi di tutti gli abbinamenti presi dalle loro campagne che si facevano con il pane, secondo la stagione: con l’uva fragola, con la mela annurca, con le arance, con i pomodori, con la rucola selvatica. Poi quando la terra non riservava nulla ci si arrangiava con il vino. Si, proprio così, si innaffiava il pane secco con il vino rosso che ci si portava anch’esso dietro da casa e si racconta che era una vera leccornia, ambita anche dai più piccoli, ai quali un pezzettino non si negava mai.
Quando si toccavano le corde dell’emozione che vedevo negli occhi dei miei cari, era inevitabile un’evoluzione in me, una spinta a superare le mie remore, che non mi permettevano di vivere un’esperienza che per i miei cari era stata un tempo oltre che nutrimento anche conforto e calore familiare.
E allora ecco la spinta a provare!
Con i fichi ho iniziato soltanto con i dolci, confetture e marmellate comprese, ma non riuscivo ancora a mangiarne di freschi.
Poi ho conosciuto Stefano; schizzinoso con i pomodori, con la cipolla nel sugo, con il brodo non colato, con il minestrone non passato, con la pelle del pollo, con la carne non sgrassata, con gli abitanti del mare provvisti di lische e che mangiava due o tre frutti.
Ma quando ci si ama mica si badano a queste cose? Certamente no!
Ma non per me, perché io con le mie fantasie culinarie e con il mio amore viscerale per la cucina ho sempre sentito in me la vocazione di educare le abitudini di Stefano verso un’alimentazione consapevole volta a suscitare la sua curiosità, superare i suoi limiti e mangiare tutto indistintamente.
Impresa ardua, anzi impossibile: in venti anni non sono riuscita a indurre neanche una conversione verso un nuovo cibo!


Ma lui, beffa della sorte, ci è riuscito a farmi superare la mia avversione ( e le mie si contano su una mezza mano) storica e atavica verso il fico. E non è stata una lezione a tavolino e neppure una forzatura ma semplicemente l'esempio. Di anno in anno vederlo con quella ciotola piena di fichi davanti, vederlo beatamente gustarseli e poi ogni volta con tanta delicatezza che me li proponeva dicendomi di provare soltanto perché molto buoni, alla fine mi ha contagiata e non ho resistito più. Paure e fantasmi che si dissolvevano, sicurezza di non farlo mai che svaniva, certezza di non riuscirci che decadeva di fronte a tanta bontà mielosamente confortante.
E ora sono due o tre anni che faccio delle vere scorpacciate.
Ora dopo averli provati per l'ennesima volta con vari tipi di formaggi,  sul pane come faceva la mia nonna, in mezzo alla sfoglia di mozzarella con il crudo e un goccio di miele, avevo proprio voglia di una crostata fatta con farina integrale e del formaggio. 
Neanche il tempo di pensarlo che sul web mi imbatto nel blog di Elisa, Il fior di cappero, dove trovo la Rosemary Fig Tarte proposta per la re-cake di settembre, una sorta di gioco dove poter rielaborare la ricetta proposta, secondo i propri gusti.



CROSTATA DI FICHI E ROSMARINO


Per la crostata:
112 g di burro a temperatura ambiente
57 g di zucchero di canna
1/2 cucchiaino di sale 
100 g di farina 1
50 g di farina 0
1 rosso d'uovo (grande)


Per il ripieno:
8 fichi maturi, tagliati a metà o spicchi
3 cucchiai di zucchero di canna 
3 ramoscelli di rosmarino
225 g di ricotta di bufala
110 gr di formaggio di capra
62 gr di yogurt greco bianco
1 cucchiaio di zucchero 
37 gr di miele
Per una tortiera di 24 cm di diametro o,
come ho fatto io, due mini tortiere
da 10 cm


Per la crostata:
Lavora il burro con lo zucchero finché non diventerà cremoso. 
Aggiungi la farina e lavora finché non sarà completamente incorporata. 
Aggiungi infine il rosso d'uovo.
Forma una palla e avvolgila nella pellicola trasparente e metti in frigo per un'ora. 
Trascorso il tempo togli dal frigo e lascia ammorbidire.
Infarina la tavola e inizia a stendere la pasta. 
Metti la pasta nella teglia che avrai scelto, bucherella con i rebbi di una forchetta il fondo e il bordo e fai cuocere in forno caldo per 30 minuti a 180°C.



Per il ripieno:
Metti i fichi tagliati a spicchi su di un foglio di carta forno e spolverizzali con una generosa quantità di zucchero di canna e qualche ago di rosmarino. 
Inforna sul ripiano più alto e griglia finché lo zucchero non inizierà a caramellare, ci vorranno circa 5 minuti.
In una ciotola amalgama la ricotta con il formaggio di capra e lo zucchero e lavorali fino ad ottenere una crema omogenea. 
Aggiungi lo yogurt ed il miele. 
Lavora finché il tutto non sarà ben amalgamato.
Versa la crema di formaggio nella crostata e decora con i fichi caramellati e qualche ago di rosmarino fresco.







6 commenti:

  1. Ah, ma allora non sono l'unica! Anche io ho questa semi-avversione per il fico.. e dire che a confettura, sciroppato o secco ne mangerei a quintali, ma freschi proprio no, a meno che non siano maturi maturi maturi, sennò desisto!
    Però questa tua crostata mi ha convinto al primo sguardo.. troppo dannatamente golosa :)

    RispondiElimina
  2. Anch'io non stravedo per i fichi, ma per il motivo che ne ho mangiati troppi quando ero bambina e davanti a casa dei miei c'era un'enorme albero che regalava dei fichi buonissimi!! :-) ora freschi non li riuscirei a mangiare, ma in una crostata come questa stai sicura che non avrei problemi!! mi hai fatto troppo ridere elencando le "fisime" di tuo marito col cibo, il mio è uguale, anche se pesa 100 kg non mangia un sacco di cose!! io sono come te, 3 cose in croce e basta.. un bacione!!

    RispondiElimina
  3. un recake belle ricco e completo , una versione più che golosa

    RispondiElimina
  4. Forse uno dei modi migliori di gustare i fichi è mangiarli così al naturale, in questa crostata sopra una base di delicato formaggio e profumati con il rosmarino, non sembrano venuti davvero niente male! Davvero una proposta interessante

    RispondiElimina
  5. Bellissimi i tuoi ricordi!
    e son felice che tu abbia incominciato ad apprezzare questo frutto che io trovo straordinario!!!!
    Grazie di aver giocato con noi"
    ciao
    elisa

    RispondiElimina
  6. deliziosa,bellissimo il tuo blog,mi aggiungo ai lettori,alla prossima ricetta

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...