venerdì 4 ottobre 2013

Insalata di amaranto e melagrana


Quando ho letto da Virginia della nuova raccolta per Progetto Mondo Mlal ne sono stata felicissima, visto che la precedente, Buono come il pane, mi ha molto coinvolta, regalandomi dei risultati inaspettati: ancora oggi a distanza quasi di un anno ho ancora degli eventi in programma per continuare con la vendita del libro.
E ora ci viene offerta una nuova possibilità, quella di continuare su questa strada per dare il nostro piccolo o grande contributo.
Come tanti chicchi che vengono sparsi dalla mano robusta e tenace del contadino sul terreno pronto per la semina, per dar vita a tantissimi nuovi chicchi, così anche noi siamo chiamati a far germogliare quei chicchi che custodiamo dentro, per rendere sempre più rigoglioso il terreno della solidarietà.
Leggendo il nome della raccolta, Un chicco tira l’altro, ho subito pensato, come un’associazione di idea alla melagrana, che con i suoi chicchi così lucidi e colorati, ha sempre esercitato un fascino su di me. In una frazione di secondo il mio pensiero dalla melagrana si è spostato all’amaranto: evidentemente per il colore rosso vivo dei suoi fiori, evidentemente perché serbavo da tanto l’idea di realizzare una ricetta con questi due elementi.
L’amaranto, come la quinoa e il grano saraceno, viene definita uno pseudocereale, perché non appartiene alla famiglia dei cereali, ma viene usato come tale.


Oggi dal gruppo Fb Io non mangio da solo:
“L’amaranto é considerato pianta sacra, ha origini etimologiche dal greco amarantos che significa "che non appassisce".
Da qui il significato attribuito dai Greci di pianta dell'amicizia, della stima reciproca ed espressione di tutti i sentimenti veri immutabili nel tempo, poiché eterni e unici.
Nella mitologia greca si narra che le Dee amassero essere festeggiate con ghirlande di amaranto; quindi l'amaranto era utilizzato per ottenere protezione e benevolenza.
I romani attribuivano all'amaranto il potere di tenere lontana l'invidia e la sventura.
Nel periodo 1600 - 1800 veniva utilizzato come ornamento ai vestiti, perché si riteneva che donasse benessere fisico.
Vista la completa assenza di glutine e l’abbondanza di fibre, l’amaranto è un alimento altamente digeribile, questo il motivo per cui viene introdotto nelle diete di persone con problemi intestinali e nello svezzamento dei bambini; molto spesso l’amaranto viene usato come alimento base nella preparazione di pappe per bambini ed anziani”



L’amaranto dopo cotto ha una consistenza molto cremosa, per cui di solito lo utilizzo per sformati, polpette o minestre. Ma stavolta ho voluto andare oltre e tentare per un’insalata, con la pretesa di riuscire a sgranarlo. E lo scopo sembra essere riuscito: mi è bastato raffreddarlo sotto acqua corrente ed ecco che dalla cremina sono emersi dei chicchi tondi e lucidi.

Ingredienti
150 g di amaranto
1 cucchiaino di curcuma
2 grossi finocchi
2 melagrane
rucola
buccia di 1 limone
pepe nero
sale
olio extra vergine d’oliva


Preparazione
Cuocere l’amaranto con la curcuma secondo le indicazioni riportate sulla confezione; lasciarlo a fuoco spento e coperto per una decina di minuti in modo che assorba tutto il liquido di cottura e si ammorbidisca, raffreddarlo poi sotto acqua corrente in un colino a maglie strette e trasferirlo in una ciotola.
Quest’operazione non compromette il colore dato dalla curcuma poiché già sarà stata assorbita dai chicchi durante la cottura.
Sgranare le melagrane; metà dei chicchi aggiungerli all’amaranto, l’altra frullarli e  poi trasferirli in un colino; con il dorso di un cucchiaio ricavarne il succo, premendo bene.
Al succo aggiungere l’olio, il sale, il pepe e la buccia di limone grattugiata ed emulsionare con una forchetta.
Mondare e pulire i finocchi e tagliarli a dadini di 1 cm; lavare la rucola e spezzettarla grossolanamente. Aggiungere entrambi nella ciotola con l’amaranto e condire con l’emulsione preparata in precedenza.
Dividere in quattro piatti individuali e servire.



Note personali:
-Questa insalata è ideale anche tiepida; basta farla saltare velocemente in una padella antiaderente, poi condirla con l’emulsione e servirla.

-Può diventare un piatto unico aggiungendo della frutta secca, magari anacardi tostati o dei semi di zucca o girasole



Con questa ricetta partecipo alla raccolta per Progetto Mondo Mlal




16 commenti:

  1. complimenti per la ricetta - squisita - e per il progetto di base. mi è piaciuta molto la tua associazione dei chicchi del melograno e l'uso dell'amaranto.
    buon wwekend, franci

    RispondiElimina
  2. MI piace tantissimo, Antonietta! Grazie mille per il tuo costante affetto.

    RispondiElimina
  3. Non sapevo tutte queste info sull'amaranto, anzi per essere sincero lo scopro qui.Strepitosa insalata piena di sapori e sopratutto colori.
    DA oggi mangerò amaranto :-)

    RispondiElimina
  4. Nonostante quando lo cucino siano di più i chicchi che mi scappano da tutte le parti di quelli che poi effettivamente mangio a me piace parecchio! :D interessante l'abbinamento con la melagrana, che pur essendo una votata alla frutta nei salati ancora però non ho avuto modo di provare in questa veste.
    un saluto e buon finesettimana, a presto! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da crudo non c'è verso, quei chicchi sembrano dei diavoletti a scappare, ma da cotto è pastoso, quasi cremoso

      Elimina
  5. Non conoscevo l'amaranto,grazie a te ho fatto una nuova scoperta. Buona domenica!

    RispondiElimina
  6. Grandeeee Antonietta...anche io avrei voluto partecipare ma non sono riuscito a trovare il melograno...come hai fatto????

    RispondiElimina
  7. antonietta un post bellissimo e spiegato alla perfezione ....complimenti

    RispondiElimina
  8. E anche questa volta ho fatto tardi. Ero convinta che la scadenza fosse il 5 ottobre e mi ero presa tempo per lavorarci il sabato, invece, fregata! E non sai quanto mi dispiaccia. La tua ricetta è favolosa, leggera sana e piena di colori che invogliano alla forchettata. Brava ed in bocca al lupo.
    Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Patty sinceramente stavolta ero sicura della tua partecipazione; ho controllato fino alla mezzanotte e non vedevo nulla!
      Sarà per la prossima

      Elimina
  9. Cara Anto, che abbinamento intrigante... mi colpisce molto anche visivamente parlando, perchè ti devo confessare di non aver mai assaggiato (e nemmeno mai visto dal vivo) l'amaranto... prendo spunto e nota di questa insalata e spero di replicare presto... mi avrebbe fatto tanto piacere partecipare a questa lodevole iniziativa ma purtroppo impegni di lavoro me lo hanno impedito.. :(( in bocca al lupo:* un abbraccio grande e buona settimana:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Simo, dal blog non si vede ma sono una gran consumatrice di cereali alternativi:nella mia dispensa ormai non mancano mai amaranto, quinoa, miglio e altri più noti. Ma sono sicura che ne ho ancora qualcuno da scoprire

      Elimina
  10. Ciao Antonietta, l'amaranto e la quinoa li devo ancora provare, consumo moltissimo tutti gli altri cereali. La tua insalata credo che mi piacerebbe tiepida. Brava per aver partecipato! Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai che all'origine volevo fare delle cupolette tipo come il tuo riso rosso?
      Poi notavo che mancavano delle insalate e visto che ne preparo spesso ho pensato a questa, che sinceramente dopo le foto l'ho saltata in padella e l'abbiamo gustata tiepida aggiungendoci dei semi di zucca. A presto!!!

      Elimina
  11. La tua insalata di amaranto mi piace da morire, dalla tua associazione di idee fra chicchi, al perfetto abbinamento di sapori, colori e consistenze. Non ultima l’emulsione col succo di melagrana, dove hai dimostrato come veramente si riesca ad utilizzare un ingrediente in tanti modi. Un piatto che proverò senz’altro, visto che proprio recentemente mentre compravo del miglio, avevo visto la confezione di amaranto e mi chiedevo come avrei potuto usarlo. Ora lo so. La tua ricetta è un prezioso contributo per questa bellissima iniziativa.
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello quando si va in questi negozietti dove trovi tanti tipi di semi e cereali che non compaiono minimamente nella grande distribuzione!!!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...