martedì 7 maggio 2013

Burger Buns


Eh sì, ve lo confesso, non ho fatto voto di fedeltà esclusiva al Lievito Madre! Ogni tanto uso anche il lievito di birra perché quando ce vo', ce vo'!!!

Questi panini della mitica Laurel, sono infallibili, vengono uguali agli originali, anzi molto meglio, ma solo se segui la ricetta passo passo. Io in effetti ho apportato delle modifiche solo nel procedimento e non negli ingredienti, perché da quando li ho scoperti, praticamente da quando li ha pubblicati l'americana, li ho fatti talmente tante volte che avendo imparato la ricetta a memoria, ho adottato un procedimento tutto mio.
Riscuotono un grande successo tra i ragazzi quando organizzo delle feste e sono diventati ormai un rituale fisso il sabato sera; infatti sono il mio salva cena, e li accompagno con hamburger e cesar salad,sempre preparati da me.
Domenica sono stati perfino uno degli elementi dell'antipasto del nostro pranzo che ho preparato in occasione della cresima di mio figlio.



Per l’impasto:

180 ml d’acqua calda

30 g di burro

1 uovo

450 g di manitoba

50 g di zucchero

1 cucchiaino di sale

1 cubetto di lievito di birra

Per la copertura:

1 uovo sbattuto con un cucchiaino d’acqua

semi di sesamo



Preparazione 
Riscaldare l'acqua, sciogliere il cubetto di lievito di birra, aggiungere lo zucchero, il burro e mescolare finchè non sia tutto sciolto.
In una ciotola mettere la farina setacciata, fare la fontana e aggiungere tutti gli ingredienti. Mescolare e lavorare per 5/7 minuti.
Coprire e lasciar lievitare fino al raddoppio; d'estate meno di un'ora, in inverno fino a due ore.
Rivoltare l'impasto su un piano infarinato e dividerlo in 8 pezzi. Con il palmo delle mani formare delle palline e metterle in una teglia rivestita di carta da forno. Coprire e lasciarli lievitare per un’altra ora, finché sono bene gonfi.
Accendere il forno a 190°C. Spenellare i panini con l’uovo sbattuto con un cucchiaino d’acqua e spolverate con i semi di sesamo.
Cuocete nel forno già caldo finché sono dorati, per circa 15 minuti.

21 commenti:

  1. ciao Antonietta
    BRAVISSIMA
    li proviamo ..sono trooppo belli e noi
    siamo innamorate dei semi di sesamo.
    Complimenti belli per il piatto degli antipasti:
    sono i piatti che piacciono tanto a noi..li
    chiamiamo i piatti che raccontano.
    Un bacio e tanti auguri dalle 4 apine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so, lo so bene che é uno di quei piatti che tanto amate:piatti variopinti e variegati, fatti per occasioni speciali

      Elimina
  2. Oppps sono caduta nella tua trappola! Ma visto che da poco armeggio con il lievito madre, non ti lascio più, baci.

    RispondiElimina
  3. Mamma che bellezza questi panini così soffici e ben lievitati! complimenti!
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soffici é l'aggettivo più appropriato

      Elimina
  4. e come si fa a non provarli, hanno un'aria così golosa!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che oltre che piacerti, sarà una grande soddisfazione prepararli

      Elimina
  5. Wow che meraviglia! Hanno un aspetto fantastico, complimenti!
    Se ti va, senza alcun impegno ovviamente, potresti passare nel mio blog ed esprimere il tuo voto per la mia ricetta "Primavera di calamari" nella sfida finale del contest a cui sto partecipando: “ Tutti i colori del cibo” oppure digitando il seguente link
    http://www.nastrodiraso.com/wordpress/tutti-i-colori-del-cibo-la-sfida-finale.html.
    Grazie mille e a presto
    paola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ho votata con piacere perché ho visto che il tuo piatto incarna perfettamente il tema del contest e il nome che gli hai dato.
      Complimenti

      Elimina
  6. ciao Antonietta,
    grazie per la visita, perdonami se arrivo solo ora, ma sono stata via.
    che delizioso e goloso questo tuo blog. non sono brava con lievitati e panificazione ma adoro leggervi e ne sento persino il profumo :-)
    vaty

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vaty, che bello la tua visita!
      Sono arrivata al tuo blog, attraverso Elena e Sandra, desiderosa di sapere l'origine del raduno a Roma delle blogalline. Ho girato,sono saltata da un post all'altro e ho scoperto che sei una persona specialissima!
      Quell'aria rarefatta che si respira nel tuo blog mi ha fatto ritrovare un po' di me stessa e ora non vedo l'ora di un prossimo raduno per conoscervi tutte(i)di persona.
      Grazie, a presto!

      Elimina
  7. li conosco bene, già fatti diverse volte...buonissimi!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora dobbiamo provare la versione con LM!

      Elimina
  8. Mitica tu sempre tu, cara Antonietta! Ancora una volta i ns pensieri si sono in qualche modo uniti. Avevo provato a rifare i panini al latte postati l’anno scorso, però stavolta li ho fatti con il lievito madre per la gita che abbiamo fatto a Venezia il primo maggio. Ma poi l’altro giorno ho comperato del lievito di birra, non so bene neanche io perché e da allora avevo in mente di provare degli altri panini ma proprio non mi decidevo. Ora questa tua post mi ha dato il la e questo weekend mi lancio! Laurel sarà un mito, ma tu sei impareggiabile e hai dato alla sua ricetta un valore aggiunto impagabile, quello che solo l’esperienza e la passione sanno dare! Un bacione amica mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai,sono un successo sicuro e incontrerai l'approvazione entusiasta soprattutto da parte dei bambini!
      Gita a Venezia??? Non mi dire!!! Hai fatto un salutino alla nostra amica Spery????
      Conoscendoti, penso proprio di sì!

      Elimina
  9. Uh! belli belli sti panini...già me li immagino sotto i denti. Ma prima mi procuro la manitoba ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con le tue mani fatate, anche senza manitoba, ti riuscirebbero lo stesso!

      Elimina
  10. Le ricette di pane con o senza lievito madre hanno sempre qualcosa di magico. Complimenti! Ne approfitterò :-D
    Giovanna

    RispondiElimina
  11. Ciao Antonietta! Arrivo dal blog di Chiara dove ho avuto la possibilità di leggere una bellissima presentazione su di te. Chiara aveva ragione.Qui ho trovato tante belle ricette, sfiziose.
    Io non ho mai fatto il lievito madre e quindi per ora mi limito a guardare quello che le mie amiche blogger sfornano con questa meravigliosa preparazione.
    Complimenti per tutto, a presto!

    RispondiElimina
  12. Buongiorno...

    li ho provati venerdì...riusciti secondo quello che leggo soprattutto in base alla morbidezza, però...che dire...

    zucchero e burro anche nel pane...so proprio americani...

    per il mio gusto personale sono troppo dolci...andrebbero italianizzati...

    ciao

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...