domenica 14 ottobre 2012

Mini quiche con gamberi e pancetta


Se vi trovate a passare tra Firenze e Siena, nel cuore del Chianti Classico, fate una sosta a Greve, all'Antica Macelleria Falorni: ne vale la pena!
Fondata nel 1729 da Gio Batta, sono all'ottava generazione, tramandandosi tutti i segreti che li hanno contraddistinti da sempre.La loro attenzione rivolta alle materie prime utilizzate, alle erbe aromatiche che si trovano in questa terra generosa e ai metodi di lavorazione fedeli alla tradizione contribuiscono a ottenere dei prodotti di carattere, con sapori intensi di eccellente qualità.
Amo il guanciale, che uso nella mia pasta e patate al forno, amo le pancette steccate, da gustare al taglio o in cucina, la finocchiona, tipica di queste zone e i salami in tutte le varietà dei loro impasti.
Questa è solo una parte di prodotti che ho avuto il piacere di conoscere e di gustare, ma facendo quella sosta a Greve in Chianti potrei avere altre piacevoli scoperte.

Ingredienti per 12 mini quiche

Per la pasta brisee
250 g di farina
110 g di burro
1 uovo
30 ml di acqua ghiacciata
sale
Per il ripieno
4 uova
125 ml di panna fresca
50 g di parmigiano grattugiato
sale
erba cipollina
12 gamberi
12 fette di pancetta steccata 


Come procedere
Prepariamo la brisee. Versare la farina sulla spianatoia e fare la fontana; aggiungere il burro freddo tagliato a piccoli pezzi, l'uovo, l'acqua e il sale. Amalgamare gli ingredienti, impastare con vigore e velocemente, formare una palla, avvolgerla in una pellicola e lasciar riposare al fresco per 2 ore.
Trascorso il tempo necessario schiacciare la pasta, adagiarla tra due fogli di carta da forno e stenderla sottile con il mattarello. Con il coppapasta rotondo ricavare 12 disci e adagiarli in altrettante formine di alluminio monouso, senza imburrare.
In una ciotola sgusciare le uova, unire la panna, il parmigiano, un pizzico di sale e l'erba cipollina tagliuzzata fine. Amalgamare e distribuire nei 12 gusci di brisee. A questo punto adagiare sopra ogni quiche un gambero crudo sgusciato e completare con una fetta di pancetta tagliata in due e sistemata trasversalmente al gambero.
Cuocere in forno preriscaldato a 170° per 20 minuti. Sformare e consumare tiepide o fredde

32 commenti:

  1. fantastico!Non lo mai provata,devo rimediare!Bravissima!

    RispondiElimina
  2. Dopo mesi di dubbi ora credo che quest'abbinamento pancetta gamberi sia azzeccato e gustoso.
    La qualità di questa pancetta e' visibile anche attraverso la foto, abbiamo aziende in Italia che sono il top mondiale per quando riguarda tutto il settore alimentare.
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gamberi e pancetta? Ricordi quando ti feci assaggiare gamberi e pancetta in tempura?

      Elimina
    2. Cari, provate anche gli spiedini di gamberi avvolti nella pancetta usando come spiedini i rami di rosmarino....deliziosi ;-)
      Poi se passi da me, Antonietta, ci sono i finalisti del mio contest ;-)
      Baci

      Elimina
  3. Ciao, certo che passando per una macelleria così di qualità non si può certo uscire a mani vuote!
    Davvero ricercate queste mini quiche, un duo tra mare e terra insolito ma che saremmo curiose di provare!
    un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo duo sposa felicemente, garantisco!

      Elimina
  4. Mi hai fatto sbavare rigo per rigo!! E certo che ci farò un salto in quella macelleria. Poi lasciami anche il tuo indirizzo che mi vengo a gustare queste mini quiche così golosi!! Ottime!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu scherzi; guarda che chi mi conosce sa che queste proposte le prendo alla lettera!!!

      Elimina
  5. L'abbinamento gamberi e pancetta a me piace moltissimo, con una pancetta doc come questa poi ancor di più! brava che vai sempre a cercare il meglio, e lo sai apprezzare e risaltare in queste ricette!
    adoro le quiche, in formato mini almeno un paio mi spettano, eh!
    bacioni e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che ne ho mangiate tre bollenti e poi mi sono beccata il mal di stomaco!

      Elimina
  6. buone, allungo la mano e ne prendo almeno 1...un abbraccio,buon lunedi.)

    RispondiElimina
  7. Che sfiziose...queste vanno spazzolate appena fuori dal forno!

    RispondiElimina
  8. ciao Antonietta
    E' UNA RICETTA SPLENDIDA..si sente
    il profumo buono di casa e la gioia
    di averla preparata con prodotti
    eccellenti!!
    Voliamo sempre con grande piacere nella
    tua trappola..... golosa!
    Un bacio le 4 apine

    RispondiElimina
  9. Penso sempre che la rete sia uno strumento incredibile per moltiplicare occasioni di conoscenza.
    Tu non ci crederai ma man mano che leggevo di te sgranavo gli occhi:
    1°_ siamo molto vicine , abito a Caserta.
    2°_ Anch'io ho un link privilegiato con la mozzarella di bufala, mio marito è veterinario e lavora per molte aziende zootecniche.
    3°_ Il caseificio dei tuoi cugini è una tappa quasi fissa ogni volta che passiamo di là.. L'ultima volta tornando da un viaggio di lavoro a Milano,ci siamo incontrati tra noi soci e praticamente abbiamo fatto una riunione di lavoro finale mangiando la mozzarella nel piazzale.
    3° Quest'estate di ritorno dalle vacanze siamo passati nel Chianti attraverso tutti quei paesini tra cui Greve.
    Noi ci siamo fermati alla macelleria di Dario Cecchini. Strepitosa.Capisco quando parli di queste delizie.
    Abbastanza coincidenze no?

    Ciao e piacere di incrociarti in rete.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Valeria, il mio incrocio con te non è stato casuale.
      Sono arrivata a te tramite Opera Rossa,di cui mi aveva parlato mio cugino.Così ho scoperto il tuo blog,molto ben curato e ricco di temi interessanti e il primo proposito è stato quello di ritornarci con più calma.
      Molte persone si fermano in quel piazzale e fanno la tua stessa cosa;a volte, vedendo questa scena da lontano, sogno di poterli far accomodare in un piccolo bistrot per fargli gustare quella delizia. Ma poi penso che non sarebbe la stessa cosa: mangiare quella mozzarella in piedi, magari tenendola in mano, con quel latte che cola ha un sapore unico e impareggiabile.
      Grazie per essere passata da me e grazie per il tuo commento

      Elimina
  10. Hanno un aspetto veramente invitante!
    Da poco anche noi abbiamo scoperto l'abbinamento gamberi e pancetta, abbiamo fatto da poco un post con degli spiedini fantastici.
    ciao e buona serata
    ficoeuva

    RispondiElimina
  11. ottimo finger questi tartelle e ottimo abbinamento!
    per farci commentare al meglio dovresti togliere le paroline perchè io sono un po' cecata!
    baci

    RispondiElimina
  12. Ma che ghiotta questa ricettina..complimenti e buona domenica!!!

    RispondiElimina
  13. Ciao Antonietta,
    grazie per il tuo commento al mio Blog sei sempre presente e oculata in tutto quello che fai, non vedo l'ora di conoscervi perchè è per me un onore conoscere persone come Te e Pasquale, la marmellata è nata come esperimento la prossima estate ne preparo in quantità industriale per fartela assaggiare visto che l'albero è sempre generoso con i suoi frutti che per ben circa 5 anni marcivano.
    Devo dire che ieri eri nei miei pensieri a tal punto che ho preparato degli Gnocchi usando il tuo fantastico pomodore come base per una finta bolognose 8 finta perchè era sanza carne) e devo dire che erano fantastici con quel sugo spero di avre il tempo a breve per dedicarti un bel post.
    Un bacione Forte a te e alla tua famiglia. La tua forza si vede in tutto quello che fai. Grande Tonya

    RispondiElimina
  14. Di sicuro se passerò nel Chianti sarà una tappa obbligata!
    E ora mi guardo qualche tua ricettina, ciao!:-)

    RispondiElimina
  15. Deliziose queste mine quiche che mi hanno conquistata come ha fatto il ruo blog (che ora seguo).
    Un abbraccio ed a prestissimo!

    RispondiElimina
  16. queste mini quiche sono fantastiche, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  17. deliziose e bellla presentazione.
    Saluti.
    Incoronata

    RispondiElimina
  18. Ciao Antonietta
    Siamo Cecilia e Viola, tue followers da qualche tempo; abbiamo letto che fai parte di un'associazione no profit che organizza banqueting per beneficenza e ti volevamo chiedere quali step avete seguito, visto che anche noi facciamo parte di un'associazione, ovvero l'AID (associazione Italiana Dislessia) che è sempre a caccia di finanziamenti per sostenere le famiglie dei ragazzi che sono rimasti ormai fuori dal servizio sanitario pubblico e che invece hanno ancora bisogno di trattamenti pedagogici lunghi e soprattutto costosi. Grazie per l'aiuto che vorrai darci!
    Cecilia e Viola

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissime, ho cercato sul vostro blog e sui profili personali un indirizzo mail per rispondervi, ma non ho trovato niente;
      potete mandarmelo sulla mia posta, che trovate nel mio profilo?
      A presto

      Elimina
  19. Ciao,
    sabato ho avuto la fortuna di cucinare questa ricetta per amici ed è stata un successone: delicata, buona con sapori sulla carta constrastanti (gamberi e pancetta) ma che si amalgamano il maniera a dir poco sublime.
    Putroppo non avevo l'erba cipollina ed ho fatto senza. Questo Natale penso di cucinarla per i miei ospiti (familiari) cui ho raccontato il successone avuto.
    Complimenti ancora e Buone e Gustose Feste.

    Ciao
    Giulio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulio, un commento davvero gratificante per me!
      Molto bello sapere quando le persone replicano le ricette e sono gradite.
      Non cerco successi eclatanti, ne tanto meno avere visibilità sui media, ma sapere che ci sono persone come te che escono dal silenzio senza cercare nulla in cambio.
      Tienimi aggiornata
      Gustose feste anche a te
      Grazie, a presto!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...