mercoledì 12 marzo 2014

Spaghetti aglio olio e peperoncino, perché non si è mai troppo giovani per poterseli gustare


Ecco puntualmente, mentre sono in giro per la spesa mi squilla il cellulare, ed eccolo è sempre lui che puntualmente mi chiama per chiedermi se, giacché mi trovo, di comprargli l’ultimo di Caparezza;
e questo succede indifferentemente io decida di andare al mercato o in una botique.
Ed io puntualmente non mi scomodo proprio a cercare un negozio!
Ma perché, mamma? Sento ogni volta questo ridondio.
Semplicemente perché tu giri mezza Napoli e non ti scomodi proprio a cercartelo.
Mamma ma io ho la metro, ho il treno, mi suona la campanella, non mi bastano i soldi………….
Le solite eterne risposte.
E sabato eccolo di nuovo
Mamma sei al centro commerciale?
Si!
Me lo prendi il disco di Capa?
Vabbè te lo prendo!
Giro per l’immensa bolgia, un caldo infernale, le borse con la spesa ( mannaggia a me che non ho preso il carrello!)non trovo l’ombra di un negozio di dischi!
Decido di andarmene
Di nuovo il telefono
Mamma l’hai preso?
No, non trovo il negozio!
Ma non è un negozio, è alla Mondadori!
Mannaggia a me, ci sono passata e ripassata dieci volte, ecchecavolo non ci ho pensato mezza volta a entrarci.
Stanca morta, con le guance che sembravano due mele rosse e i capelli elettrizzati entro e filo dritta verso la commessa: mi può indicare dove sono i cd di Caparezza? Sa è per mio figlio.
E lei mi fa: ah lo dicevo che non poteva essere per lei un cd del Capa
Quella capa gliel’avrei conficcata nel vetro dove mi ero specchiata poco prima!
Mentre dietro di lei mi avvicinavo alla cassa, prendendo i soldi ecco a sottolinearle: guardi che Caparezza l’ascolto pure io, ho cominciato ad ascoltarlo molto prima che nascesse mio figlio e ce l’ho anche sul mio cellulare!
Me ne vado con un dilemma in testa: ma cosa voleva mai dirmi quella? Sono vecchia per caso?
Torno a casa, tardi, troppo tardi.
A loro una pasta al burro ed io all’olio (non amo tanto il sapore del burro sulla pasta).
No anzi, visto il mio umore alquanto rabbioso ripiego piacevolmente su uno spaghetto aglio olio e peperoncino.
Ma poi mi balena un altro dilemma: ma non è un piatto da vecchi?



 Spaghetti aglio olio e peperoncino

Ingredienti
350 g di spaghetti
2 spicchi di aglio
Peperoncino
100 ml di olio extravergine d’oliva
sale
Preparazione
Mettere l’acqua per gli spaghetti sul fuoco. In un tegame a parte versare l’olio, l’aglio schiacciato e il peperoncino sminuzzato. Far rosolare a fuoco dolcissimo, facendo attenzione a non far bruciare l’aglio.
Quando l’acqua bolle calare gli spaghetti, salare e cuocere secondo i tempi indicati sulla confezione.
Scolare e trasferire nel tegame con aglio e olio, mantecare, spegnere far riposare due minuti e servire.


Varianti da aggiungere al soffritto
-un’acciuga dissalata e diliscata facendola disfare completamente mentre soffrigge;
-due pomodorini schiacciati e fatti saltare a fuoco vivo;
- al momento della mantecatura una spolverata di prezzemolo fresco.

12 commenti:

  1. ma nooo!!! questo è un piatto per tutte le età! e poi non ci pensare agli anni che passano, si matura ma non si invecchia ...l'interessante è sentirsi giovani dentro. un abbraccio,Peppe.

    RispondiElimina
  2. Ma come vecchia, no non sono d'accordo anche perchè sai che io ti corro dietro!!!!!
    Aglio e uogl il piatto che non invecchia mai!!!!!
    A presto

    RispondiElimina
  3. Buonissimi....li adoro, e non penso assolutamente si tratti di un piatto da vecchi:))
    baci
    Rosy

    RispondiElimina
  4. Anto indovina cosa ho appena finito di mangiare? trenette con aglio olio e peperoncino... loro, uniche, intramontabili.. che mangio da sempre e ancora oggi a 32 anni non vedo perchè dovrei privarmi di una simile golosità.. pensa che mia figlia piccola li stava preferendo alla sue penne al pomodoro... peccato per il peperoncino altrimenti ne avrei preparato una porzione anche a lei:)
    Belli i Capa... non ci sono limiti di età per ascoltare musica, solo limiti intellettuali di persone come la commessa di Mondadori ;) ti abbraccio:**

    RispondiElimina
  5. non credo affatto che sia un piatto da vecchi, anzi, io non mangio spesso la pasta ma gli spaghetti aglio, olio e peperoncino sono forse uno dei modi che mi piace di più, oltre che un'ancora di salvezza certa per un vegano al ristorante ;)
    e ti dirò di più, per sfatare la tua convinzione: credo proprio siano uno dei piatti che i giovani si fanno più spesso quando ritornano a casa in mezzo alla notte col buco nello stomaco..;D

    RispondiElimina
  6. ciao, uno dei grandi classici della nostra cucina che amiamo molto pure noi! Pochissimi ingredienti per esaltare tutto il profumo di questo piatto.
    baci baci

    RispondiElimina
  7. Cara Antonietta, questo è un piatto per tutte le età e che mantiene belli giovani e pimpanti! Ricordo che mi piaceva un sacco anche da ragazza. Ti abbraccio :)

    RispondiElimina
  8. Sono finita sul tuo blog per caso e cosa mi ritrovo? un grande classico presentato in grande stile! come posso non aggiungermi ai tuoi lettori?! Sarebbe impossibile non farlo :-)
    Complimenti

    RispondiElimina
  9. Non è assolutamente un piatto da vecchi, io lo adoro e nella sua semplicità riesce a mettere sempre tutti d'accordo.

    RispondiElimina
  10. Anch'io lo adoro...è un piatto strepitoso!! Un caro saluto e buon weekend, Mary di Unamericanatragliorsi

    RispondiElimina
  11. Buona..ogni tanto a me prende la voglia, così dal nulla..

    RispondiElimina
  12. ciao Antonietta,
    come mi sono letta volentieri queste richieste, domande, dubbi, riflessioni
    tra te genitore e i figli che crescono!!!
    Sei sempre molto brava a trasmettere emozioni per scritto e in cucina!!
    Un bacio da apelaboriosa

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...