lunedì 20 marzo 2017

Risotto alla cannella con mandorle, funghi e confettura di pompelmo rosa


Non sono una patita del "Senza" ma stavolta tante cose ho omesso per la voglia di sperimentare.
Non avevo mai fatto un risotto tostandolo senza grassi e senza scalogno o cipolla
Senza la sfumatura con una componente acida.
Senza brodo.
Senza la mantecatura con burro,
Invece  il "Senza", che caratterizza una tecnica moderna di risotto, ora l'ho ritenuto necessario per esaltare proprio quegli aromi che volevo, per far sprigionare i profumi che immaginavo, per sentire nettamente i sapori dei pochi elementi utilizzati.


Ingredienti
400 g di carnaroli
250 g di champignon
150 g di Asiago
2 stecche di cannella da 2 cm
40 g di mandorle
1 cucchiaio colmo di Fiordifrutta al pompelmo rosa
2 cucchiai di olio extravergine d’oliva
Sale


Preparazione
Preparare un decotto con la cannella e lt 1,250 di acqua da far sobbollire per il tempo di cottura del riso.
Tostare il riso in un tegame per 3-4 minuti senza grassi, rimestando continuamente, aggiungere un mestolo di decotto e iniziare la cottura, aggiungendo il liquido un po’ alla volta quando è necessario.
Nel frattempo pulire i funghi e tritarli finemente, lasciandone un po’ a fette per la decorazione finale. Rosolarli in un tegame con olio d’oliva e sale.
Diluire in una ciotolina la confettura con un cucchiaio di decotto di cannella.
A parte tostare le mandorle, lasciar raffreddare, tritarle, tenendone qualcuna da parte per la decorazione, e aggiungerle insieme ai funghi al risotto. Salare e portare a completamento la cottura.
Spegnere, aggiungere subito l’asiago tritato finemente a coltello e mantecare.
Impiattare e completare con lamelle di mandorle e funghi e la confettura al pompelmo rosa.


6 commenti:

  1. Intrigante questa ricetta.
    Grazie per averla condivisa.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. Sentivo l'altro giorno in un canale tv specializzato, un cuoco che illustrava questo metodo. Mi ha incuriosito molto e adesso tu me ne dai conferma. Meravigliosa ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti anche io da tempo vedevo farlo da qualche chef in tv e devo dire che è un metodo molto valido: la tostatura senza grassi permette al chicco di riso di assorbire i sapori con cui lo si accompagna esaltandoli ancora di più evitando brodo e vino.

      Elimina
  3. Goloso riso ai funghi.....davvero speciale!
    Buona primavera e un sorriso,silvia

    RispondiElimina
  4. Deliziosa a dir poco! Sicuramente la preparerò in una di queste giornate di quaresima! Nuova follower, se vuoi passare da me ecco il link http://alitvb.blogspot.it/ :*

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...