lunedì 10 febbraio 2014

Pantacce e fagioli all'olio aromatizzato


Un giorno ricevo l’invito da Cecilia Buonomo, delle edizioni Cinquesensi, a partecipare, con una mia ricetta, a un volume sulla pasta, della collana  EXTRAricette. Viste le varie vicissitudini avute in questo periodo, non prendo in considerazione la  mail. Poi facendo una pulizia nella mia casella ormai intasata, rivedo la mail in questione e subito in me incomincia un susseguirsi di idee per come organizzarmi subito con la mia adesione a questo progetto, l’esecuzione della ricetta, le foto, la pubblicazione. Tutto questo affanno perché mi ha entusiasmata molto il tema della collana: l’olio extravergine d’oliva, in tutte le interpretazioni, dall’antipasto al dolce.
Sono oltretutto felicissima di dare il mio contributo per rivalutare ancora una volta questo nostro grande prodotto, purtroppo preso di mira in queste ultime settimane addirittura dal New York Times. Ha pubblicato 15 vignette in cui è descritto il suicidio dell’olio, sottolineando le contraffazioni a cui è sottoposto. Questa notizia purtroppo ha fatto il giro del mondo, ha alzato un gran polverone, etichettando ancora una volta noi italiani come un popolo di imbroglioni, favoriti dalla politica e dalle mafie. Poi lo stesso New York Times sapete cosa ha fatto? Ha ridimensionato la notizia, modificando alcune vignette e ha fatto degli aggiusti qua, ha messo delle toppe là per rendere più soft quello che ormai era già irreparabile.
( La serietà dei vecchi tempi del New York Times dov’è andata a finire?)
Sembra un destino inalienabile quello di dover subire ciclicamente delle accuse riguardo a prodotti che sono delle eccellenze e un vanto per la nostra economia. Non si può negare che le frodi esistono, gli imbroglioni ci sono, però abbiamo anche tanti organi di tutela che combattono senza mai abbassare la guardia; abbiamo il nostro buon senso; abbiamo produttori di fiducia a cui rivolgerci; abbiamo organi di informazione accreditati.
Io intanto ho un concetto che mi guida: diffidare dei prezzi troppo bassi. Io non comprerò mai un olio che costi meno di 6-7 euro.
Per me l’olio, scontato dirlo, è il protagonista indiscusso della mia cucina e della mia tavola, perché impareggiabile, oltre che per le note qualità organolettiche e salutistiche, come “esaltatore di sapidità”. Quando non ho proprio nulla da cucinare ripiego su una  pasta all’olio, e ogni volta mi ritrovo soddisfatta di aver cucinato il miglior piatto in assoluto.
Ma come renderlo ancora più protagonista?
Non il solito sugo, non il solito impasto, non il solito filo a crudo ho cercato di interpretare, ma ho voluto spingermi oltre finché non ho trovato l’apoteosi del gusto ottenuta proprio grazie all’olio.
L’estrazione degli aromi e degli umori di erbe e spezie attraverso l’olio caldo e mantenuto tale per tempi lunghi, usato poi per condire la pasta e fagioli.
Garantisco un concentrato di sapore unico e impareggiabile; provare per credere!



Ingredienti
400 g di pasta tipo pantacce
400 g di fagioli già cotti
Qualche rametto di rosmarino
Qualche foglia di salvia
½ cucchiaino di pepe in grani
½ cucchiaino di finocchietto
1 piccolo peperoncino intero
2 spicchi di aglio in camicia schiacciati
Sale
8 cucchiai di olio extra vergine di oliva


Preparazione
In un tegame di 22/24 cm di diametro versare i cucchiai di olio e tutte le erbe e spezie; mettere sulla  fiamma più piccola abbassando quanto più possibile e lasciar lì a riscaldare. Non deve assolutamente sfrigolare ma solo riscaldare per un tempo lunghissimo che può durare anche 35/40 minuti. In questo modo le erbe e le spezie rilasceranno i loro aromi, fondendosi ed equilibrandosi, grazie all’azione termica dell’olio.  Intanto mettere la pentola con l’acqua e quando bolle cuocere la pasta. Un minuto prima del termine della cottura, aggiungere i fagioli all’olio aromatico, poi scolare la pasta e aggiungere anche questa nel tegame, mantecare e lasciar riposare per due minuti. Impiattare e servire.
Questa pasta non ha bisogno di aggiunte di pomodoro o formaggi, perché questi andrebbero a pregiudicare il risultato del piatto finito.



Con questo piatto partecipo a


10 commenti:

  1. Mattiniera stamattina !!!!
    Purtroppo nella maggior parte dei casi ci facciamo male da soli, non siamo capaci di difendere il nostro territorio dal male, ma questo non capita solo da noi, leggendo ieri degli articoli gli altri non stanno certo meglio di noi.Ottima questa pasta e fagioli e il rosmarino mi ricorda tanto il 14 agosto 2013.
    :-)

    RispondiElimina
  2. Anch'io, quando vedo al supermercato l'olio extravergine a 3 euro, penso che di olive ne abbia viste poche! Noi, che l'olio buono lo produciamo in tutt'Italia, possiamo andarlo a prendere direttamente dal produttore per maggiore sicurezza!
    Tu hai fatto un piatto strepitoso: buono l'olio e buone le sue capacità di estrarre tutti gli umori ed aromi dalle spezie che ci metti per la marinatura! Veramente un piatto da gustare con grande soddisfazione. Buona settimana

    RispondiElimina
  3. Ciao Antonietta, pensa che talvolta io ho modo di utilizzare un olio eccezionale: quello fatto direttamente con le olive del cognato di mio marito..il profumo, il sapore che ha non ha niente a che vedere con quello del supermercato (specie quello venduto a prezzo ridotto) e la resa, nella preparazione di tutti i tipi di piatti è superlativa...la tua pasta e fagioli è una meraviglia, utilizzando ingredienti di qualità non può che essere così...bravissima,ti faccio i miei migliori complimenti:)
    baci
    Rosy

    RispondiElimina
  4. In effetti fa male sentire parlar male di una nostra eccellenza, però quando vedo in giro certi prezzi dell'olio mi domando come fanno? Cosa c'è dentro? Anche io lo prendo direttamente dal produttore, un amico che ha gli ulivi sulle falde dell'Etna e che lo fa lui, portando le olive al frantoio. Dovremmo fare più attenzione a ciò che acquistiamo e portiamo sulle nostre tavole, solo così potremmo tutelarci. Bellissimo il tuo piatto, sano e gustoso.

    RispondiElimina
  5. Questa pazzesca infamia sull'olio proprio non l'avevo sentita.. ma che bravi gli americani che parlano sempre tramite stereotipi di noi italiani, pizza, mandolino, truffe e mafia.. ma va là! di truffe ce ne sono dappertutto in ogni settore se è per quello. Come dici tu ci sono tante valide realtà e gli organismi di controllo, poi se si vuole vedere sempre l'aspetto negativo uno faccia un pò quel che vuole. Insomma, mi girano proprio, si capisce? Forse perchè l’olio buono là non sanno proprio cosa sia..
    Invece tu lo sai bene, e lo sai anche usare. La tecnica di riscaldare l’olio per farlo diventare un egregio conduttore di sapori e profumi l’avevo già vista, applicata in modo così sapiente ad una minestra, no. E chi se non tu potevi pensarci?
    Un piatto squisito nella sua semplicità, che non mancherò di provare! Questa iniziativa mi sembra splendida!
    Un bacione enorme cara e a presto!

    RispondiElimina
  6. Ciao, che spettacolo di profumi e ingredienti per questo primo piatto!
    Bravissima.
    baci baci

    RispondiElimina
  7. Antonietta carissima, come non condividere l'amore per l'olio, un alimento fantastico che potrebbe bastare semplicemente accompagnato da una fetta di pane? Quello che dicono a New York o altrove non dovrebbe toccarci, noi sappiamo di avere prodotti che il mondo ci invidia. Mi piace come hai proposto questa pasta, l'olio aromatizzato a cottura dolce sarà una prelibatezza. Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Slurp, che bella ricettina!!! Grazie mille e a presto

    RispondiElimina
  9. Quella padella con olio e odori emana il suo profumo anche attraverso lo schermo! :)
    Che bel piatto!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  10. Ciao Antonietta, innanzitutto complimenti per il tuo blog e le tue ricette: davvero interessanti.
    Qualche tempo fa ho attinto da te per un ottimo piatto di pasta e fagioli e volevo mostrarti il post sul mio blog. Lo trovi qui http://www.mielemandorle.blogspot.it/2015/05/pantacce-toscane-con-fagioli-e-olio.html
    Spero ti faccia piacere.
    Un caro saluto,
    Sabrina.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...