venerdì 13 settembre 2013

Torretta di triglie e patate ai semi di anice, con bruschetta alla crema di pomodori secchi e cacioricotta e melanzane rosse in agrodolce


Sembra la carica dei 101 questo concorso di IoChef!
In piena estate, quando molti decidono di darsi una pausa con il web, con la blogosfera e con il computer, arriva la proposta di questo concorso da parte di Teresa, che in un paio di giorni già segna il “tutto esaurito”. Una corsa per prenotarsi e ricevere quelle delizie lucane; per molti sconosciute, per altri solo sentite, ma per tutti è stato piacere puro aprire quel pacco e scoprire quella varietà di colori, quegli odori e quei sapori così forti e caratteristici.


Tutto questo per preparare una ricetta in cui il protagonista è il pesce del nostro mediterraneo, varietà a volte bistrattate o sottovalutate, ora abbiamo avuto la possibilità di renderle protagoniste assolute e indiscusse dei nostri piatti.
"La pesca sostenibile" il tema del 27°Congresso Nazionale della FIC che si terrà dal 7 al 10 ottobre prossimo nel Metaponto, in cui interverranno le stelle della nostra cucina. E anche stavolta, fenomeno in crescita negli ultimi tempi, coinvolti i blogger. Dodici di questi cento, ospitati in questi luoghi incantevoli, con le loro creazioni testate, assaggiate e valutate dagli chef.
Desiderio di ognuno di noi di esserci, perché per noi blogger la gioia più grande è esserci, ma anche incontrarci, guardare negli occhi quelle persone con cui hai scambiato opinioni, letto i post, commentato, condiviso ma mai incontrato di persona.



Ingredienti per 4

Per la torretta di triglie e patate
600 g di triglie
300 g di patate
1 cucchiaio di semi di anice
Rosmarino
Pepe nero  in grani
Peperoncino
Buccia di limone
Salvia
Aglio
Sale
100 g di fagioli di Sarconi Igp cotti
40 g di cipolla rossa
Olio


Cuocere le patate in acqua salata, scolarle, raffreddarle in acqua corrente, sbucciarle e tagliarle a dadini.
Mettere in un tegame basso e largo tutti gli odori, salare, aggiungere l’acqua e far bollire per 10 minuti.
Eviscerare le triglie, squamarle, sciacquarle e calarle delicatamente nel brodo di odori; far cuocere per due minuti poi girarle delicatamente e continuare per altri due minuti. Scolare con un mestolo forato e passare subito in una ciotola con acqua ghiacciata. Prelevarle e pulirle togliendo con attenzione tutte le spine, la lisca centrale e la pelle, trasferendole man mano nella ciotola delle patate.


Condire tutto con un generoso giro di olio e i semi di anice. Amalgamare schiacciando leggermente le patate.
Con un  ring di 8 cm di diametro formare quattro torrette in altrettanti piatti individuali.
Condire i fagioli precedentemente cotti e scolati con la cipolla tagliata a bruneoise , un pizzico di sale e un filo di olio e distribuire sopra le quattro torrette.


Per la rossa in agrodolce
4 melanzane rossa di Rotonda Dop
1 cucchiaio di muscovado
1 cucchiaino di miele di sulla
1 tazzina di aceto di mele
1 cucchiaio di Ficotto di Pisticci
Sale
Olio
In una ciotola preparare una salamoia con 500 ml di acqua e 2 cucchiai colmi di sale. Tagliare le melanzane a dadini della grandezza di ½ cm, trasferire nella salamoia e lasciar spurgare per 1 ora. Trascorso questo tempo, scolarle e tamponarle delicatamente su un telo pulito. In un tegame mettere l’olio, aggiungere le melanzane e saltare per 5 minuti. Aggiungere lo zucchero, il miele e infine l’aceto. Quando svanisce l’odore pungente dell’aceto e questo evapora, spegnere e coprire il tegame.


Per la bruschetta
4 fette di pane di Matera
8 falde di Pomodori secchi
120 g di Cacioricotta
1 cucchiaino di origano
4 cucchiai di olio  
Intiepidire 100 ml di acqua e mettere ad ammollare i pomodori secchi per trenta minuti. Scolare, tamponare e trasferire su un tagliere; aggiungere il cacioricotta e triturare tutto con la mezzaluna. Trasferire in un boccalealto e stretto, aggiungere l’olio e l’origano e con un cutter ottenere una crema.
Bruschettare il pane in un tostapane, attendere che raffreddi e spalmarci sopra la crema precedentemente preparata.

Assemblaggio
Nei piatti individuali, accanto ad ogni  torretta, adagiare una bruschetta alla crema di pomodoro e cacioricotta e un quarto delle melanzane in agrodolce. Completare con un goccio di ficotto sulle melenzane e un filo di olio sulla torretta di triglie.


Con questa ricetta partecipo al concorso IoChef ideato dalla FIC e proposto da Teresa De Masi del blog Scatti Golosi



27 commenti:

  1. ¸.•°❤ ❤⊱彡
    Passei para uma visita.
    Que receita maravilhosa!
    Mistura sofisticada de sabores e aromas.
    Amei o seu blog.
    ¸.•°❤ BOM FIM DE SEMANA! ❤⊱彡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, addirittura sofisticata!
      Grazie

      Elimina
  2. Che ricetta raffinata, originale e gustosa! I miei complimenti davvero di cuore! :D Un abbraccio e un fine settimana meraviglioso! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ely sei sempre tanto cara e affettuosa nei tuoi commenti

      Elimina
  3. Queste sono ricette alla Antonietta Golino, ti stupiscono sempre per la loro esclusività.
    In bocca al Lupo.

    RispondiElimina
  4. Un antipasto degno di portare questo nome. Assolutamente delizioso lo assaggerei molto volentieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io volentieri lo preparerei per te!

      Elimina
  5. controllato e approvato. In bocca al lupo per il concorso.

    RispondiElimina
  6. Meravigliosa ricetta, oltre ad avere un aspetto bellissimo e troppo invitante è sicuramente buonissima!!!:) ti faccio i miei migliori complimenti!!!:)
    baci
    Rosy

    RispondiElimina
  7. adoro le triglie cara Antonietta ma sono incapace a cucinarle, questo è uno spunto da gran gourmet! un bacio e a presto. mony***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda io le conoscevo solo fritte, ma poi facendole così, appena scottate, non puoi immaginare la delicatezza!

      Elimina
  8. Ciao cara, ma che bella anche questa tua proposta! In bocca al lupo anche da parte mia, che davv non avrei avuto la più pallida idea di cosa proporre!
    Ps grazie anche per Lit uno pensiero al mio ultimo post. Grazie di cuore per le tue parole che condivido in pieno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe stato molto carino un contributo anche da parte tua, visto che hai sempre delle idee molto sorprendenti

      Elimina
  9. Che dire Anto...è tanta roba...in bocca al lupo per il contest! Cross fingers! io tifo per te...

    RispondiElimina
  10. bontà divina che bel tris e ti faccio un in bocca al lupo

    RispondiElimina
  11. Accidenti ma quanto cose buone su questo piatto?!?! Non sapremmo davvero da quale delizia cominciare! tutte preparazioni studiate e sfiziosissime!
    Complimenti.
    baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me tra tutti piace molto la torretta, mentre mio figlio ha bissato la bruschetta.
      Ora tocca a voi la scelta

      Elimina
  12. Dirti che quel pacco è stato fortunato a trovare il tuo indirizzo sarebbe scontato e banale. Ho letto le tue tre ricette riga per riga, provando ad immaginarmi i sapori e i profumi delle tue preparazioni. Cercando di ricacciare indietro l'acquolina che nel frattempo mi era venuta (ora sono le 8.30 del mattino) ti dico che hai avuto tre idee molto interessanti, realizzate con cura e con tecnica che sicuramente non sfuggirà ai giudici.. Due cose su tutte le altre: il meraviglioso abbinamento delle triglie con le patate e i fagioli e quelle meravigliose melanzane rosse che hai saputo valorizzare con un'agrodolce strepitoso (il ficotto a che punto lo metti?). Un bacione e un mega in bocca al lupo!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ficotto è messo alla fine, nell'assemblaggio del piatto.
      Il mio scopo era quello di trovare un'alternativa alla solita triglia fritta, visto che dalle mie parti si mangia solo così.
      E devo dire che questo pesce merita molto di più;con la frittura tutto è buono, mentre la triglia solo scottata ha un sapore incredibile!

      Elimina
  13. Mi ero persa questo delizioso antipasto! La triglia è un pesce gustosissimo e cotto in maniera delicata come hai fatto tu dà il suo meglio. Hai creato degli abbinamenti bellissimi, brava Antonietta!

    RispondiElimina
  14. Mi ero persa questo delizioso antipasto! La triglia è un pesce gustosissimo e cotto in maniera delicata come hai fatto tu dà il suo meglio. Hai creato degli abbinamenti bellissimi, brava Antonietta!

    RispondiElimina
  15. Complimenti davvero originale ed interessante gli abbinamenti, ho appena condiviso questa ricetta sulla pagina facebook https://www.facebook.com/pages/Buatta/300433080032837 (dove mi aspetto un tuo MI PIACE e che sarai una mia seguace) del relativo www.buatta.com blog di recensione di prodotti enogastronomici lucani dove puoi trovare tante idee interessanti della mia terra per le tue ricette.
    IN BOCCA AL LUPO PER IL CONCORSO!!
    ANNA

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...