mercoledì 18 settembre 2013

Praline di ricotta di bufala al miele e cocco



Parlando con un amico di antipasti e varie cosette sfiziose pensavo alla mia predilezione per la ricotta di bufala, alla sua versatilità dal dolce al salato e nel frattempo mi meravigliavo che questo era ancora un argomento non ancora affrontato in quest’angolino goloso.
“Datemi una ricotta e un vassoio d’appoggio e vi solleverò dalla fame”: è uno dei miei motti in cucina!
Non disperate, anche se non ci fosse proprio nulla in casa, ma ci fosse una ricotta e qualche altra cosa da cercare in dispensa vi preparo un ‘intera cena risolvendo i casi più impellenti di amici che ci ritroviamo all’improvviso in casa, magari portati dal marito senza preavviso.
Non mi dilungo, passiamo subito alla ricetta, ma più che ricetta è un’idea sfiziosa e veloce.
Premetto che, lavorando in un caseificio, uso solo ricotta di bufala, preferibilmente di un paio di giorni. Quindi consistenza e capacità di manipolarla sono riferiti solo a questa; però magari si può provare anche con altre ricotte.


Ingredienti
500 g di ricotta di bufala
70 g di cocco disidratato in scaglie


Preparazione
Mettere la ricotta in una ciotola, aggiungere il miele e lavorare con un cucchiaio per cinque minuti, per renderla omogenea, senza grumi e vellutata al palato. Coprire con pellicola trasparente e far riposare in frigo per 1 ora. Trascorso questo tempo mettere il cocco in un piatto largo e procedere a formare le palline di ricotta. Prelevarne una quantità pari a una noce, rotolarla tra i palmi delle mani e appoggiare sul cocco. Procedere così a farne una decina alla volta, poi rotolarle nel cocco e adagiarle in pirottini di carta.
Continuare così fino ad esaurire tutta la ricotta. Sistemare in un vassoio e conservare in frigo.


Note personali
-Ideali per un buffet o una cena finger food tra amici
- Si conservano in frigo in un contenitore a chiusura ermetica per 4/5 giorni, per cui ideali per preparazioni anticipate.
-Anche se dolci, sostituendo con miele di castagno e un spolverata di pepe sono ideali anche in un antipasto


32 commenti:

  1. Questo deve essere il paradiso fatto a palline *_*

    RispondiElimina
  2. Un peccato aver avuto queste praline ad un metro e non averle assaggiate.
    Ma son sicuro che ci sarà un altra occasione vero???
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 'overament?!?!
      Non ci avevo fatto caso, visto che andavano tutti di fretta e la roba spariva a vista d'occhio nel vassoio
      Mi farò perdonare!

      Elimina
  3. Tu unisci la cosa che più amo (il miele) alla ricotta che adoro e al cocco che mi fa impazzire. Che dirti, te ne è avanzata qualcuna??? Io davvero non resisto a guardarle e basta!! :D Complimenti!! <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono sparite in un batter d'occhio, come dicevo prima

      Elimina
  4. Piccole perle di deliziosa bontà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno di questi giorni vorrai assaggiarle???

      Elimina
  5. anch'io mi associo agli affezionati della ricotta di bufala... l'adoro e mi manca tanto... qui a Roma è dura trovare quella vera... splendidi i tuoi bon bon... io ne preparo una versione simile... ma solo dolce con l'aggiunta di liquore:) un bacione Antonietta:*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlavo di versatilità, quindi spazio a qualsiasi aggiunta!

      Elimina
  6. donna dalle mille risorse! che idea stratosferica!!! proverò sicuramente la versione salata per stupire con effetti speciali! grazie cara, un abbraccio enorme!!!!
    Sandra

    RispondiElimina
  7. Devo dirti che io sono una patita della ricotta mi piace tantissimo e mi piace ancor di più utilizzarla in cucina quindi queste sfiziose praline fanno proprio al caso mio! :)

    RispondiElimina
  8. Tu sei la masta di tutti i prodotti caseari a base di latte di bufala. :-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Che buoni devono essere questi bocconcini! sono proprio golosi con il fresco sapore di cocco e la ricotta di bufala, più compatta!
    bravissima!

    RispondiElimina
  10. che bello...senti...che marca di ricotta mi consigli... :-))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. .........diavolo di un panda!!!

      Elimina
    2. io? perchè? il panda è un animale così pacioso...

      Elimina
  11. Il tuo motto mi ha fatto riflettere sulla versatilità della ricotta che anch'io uso tanto, ma non ho mai assaggiato quella di bufala ....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora alla prima occasione te la farò assaggiare io!!!

      Elimina
  12. che bel lavoro che fai, io adoro i formaggi e per la ricotta ho una predilezione. Ricordo che mia mamma la metteva al posto del parmigiano sulla pasta con il sugo di pomodoro, se aveva due giorni di riposo, come suggerisci giustamente tu per la manipolazione, la "sbriciolava" dirattamente sul piatto prima di servire in tavola e per me era festa
    buona domenica
    Cla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi usiamo aggiungerla alla pasta con il ragù: che goduria!!!

      Elimina
  13. meravigliosi e golosi!!!!!!!!!!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  14. Feci anch’io tempo fa delle palline di ricotta e cocco (e anche di cioccolato! :-D) come dessert, però usai ricotta di mucca buona sì, ma non credo si avvicini a quella di bufala. Ed è proprio lì secondo me il segreto di questa ricetta, che sì ha pochi ingredienti, ma vanno scelti fra le eccellenze del nostro Bel Paese, proprio come la vostra ricotta di bufala, che qui non si trova dappertutto. Mi toccherà aspettare di venire giù nelle vostre zone e far un po’ di scorta!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  15. Li voglio anch'iooooooooooooooooooooo!!!!
    ben fatto, amica mia
    Un bacio e speriamo a prestissimo!
    Spery

    RispondiElimina
  16. Ciao! Complimenti per la ricetta, sembrano buonissimi!! :) Se ti va passa a trovarmi su

    http://folliedicioccolato1989.blogspot.it/

    Buona giornata!
    Annalisa

    RispondiElimina
  17. Grande post, devo provare!
    La cucina è anche la mia passione nei tuoi articoli si può anche vedere! Saluti

    RispondiElimina
  18. ottimo articolo grazie mille

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...